Lefse - norvegia

Lefse

450 g di patate

25 g di burro

60 ml di panna da montare

1 cucchiaino di zucchero

½ cucchiaino di sale

120 gr circa di farina tipo 00

Preparazione

Lessare le patate, sbucciarle e schiacciarle con lo schiacciapatate, aggiungete il burro e lasciate raffreddare.

Aggiungete la panna, lo zucchero, il sale e la farina, lavorate fino ad ottenere un composto sodo ma leggermente appiccicoso.

Dividete il composto in 8 palline, schiacciate per uno spessore di circa 2-3 mm, lasciateli riposare qualche minuto, riscaldate la padella leggermente unta e cuocete rigirandole su entrambi i lati finchè non compaiono le bollicine scure.

Lasciate raffreddare e farcite a piacere.

pasteis de nata

Pasteis de nata

INGREDIENTI PER LA PASTA SFOGLIA (PER 12 PASTEIS)

Farina 00 100 gr

Farina Manitoba 75 gr

Sale 4 g

Burro 160 g

Acqua a temperatura ambiente 125 ml

PER LA CREMA

Panna fresca liquida 500 ml

Uova 9 tuorli

Zucchero 160 g

PREPARAZIONE

Per realizzare i pasteis de nata preparate la pasta sfoglia. Iniziate con la preparazione del pastello: setacciate le due farine, sciogliete il sale nell’acqua unitelo alle farine e impastate il tutto a mano o con una planetaria, fino ad ottenere un composto morbido ed elastico.

Lasciatelo riposare in una ciotola, coperto con pellicola, in frigorifero per almeno mezzora. Preparate intanto il panetto: prendete il burro e appiattitelo con il mattarello fino ad ottenere un rettangolo di circa 12x 17 cm, per aiutarvi potete porlo tra due fogli di carta da forno. Riponete il panetto di burro in frigorifero finchè non sarà ben freddo e compatto. Riprendete il pastello, ponetelo su una spianatoia infarinata e stendetelo dandogli la forma di un rettangolo che misuri circa 25 x 35 cm. Mettete al centro della sfoglia il panetto di burro, e richiudete la pasta da tutti e quattro i lati, stendete il panetto ottenuto con il mattarello per ottenere nuovamente un rettangolo di 25×35 cm.

 

Fate la prima piega a tre ripiegando uno dei lembi più corti verso il centro e poi ripiegate sopra l’altro lembo corto. Avvolgete l’impasto con la pellicola e lasciatelo riposare in frigorifero per 30-40 minuti. Proseguite praticando queste pieghe per altre due volte intervallando sempre con il tempo di riposo tra una piega e un’altra e avendo cura di segnare ogni volta il panetto con una pressione del dito (che vi ricorderà quante pieghe avete fatto). Occupatevi della crema: mettete sul fuoco una pentola con acqua fredda e ponete sopra una bastardella per la cottura a bagnomaria, versate all’interno della bastardella i tuorli e lo zucchero semolato.

 

Mescolate con una frusta, versate la panna fresca e accendete il fuoco, cuocete a fuoco basso continuando a mescolare e portando il composto a 80°, è importante che il composto non superi questa temperatura. Per questa operazione è utile usare un termometro per alimenti. Non appena avrà raggiunto la temperatura indicata togliete immediatamente dal fuoco la crema e versatela in una ciotola per farla raffreddare, ponendo sotto un’altra ciotola colma di ghiaccio, mescolate per abbattere la temperatura e mantenere la consistenza della crema. Ora riprendete la pasta sfoglia, trasferitela sulla spianatoia infarinata e stendete con il mattarello un rettangolo di 35 x 40 cm. Arrotolate il rettangolo ottenuto dal lato più corto, copritelo con pellicola e lasciatelo rassodare completamente in frigorifero per circa 30 minuti. Trascorso questo tempo, recuperate il rotolo di pasta sfoglia, dividetelo in 12 bocconcini, schiacciate ciascun bocconcino spolverizzandolo con la farina per evitare che risulti troppo appiccicoso, ricavate un cerchio al quale dare la forma di un cestino che andrete a posizionare all’interno di uno stampo da muffin per creare l’involucro di pasta sfoglia.

Una volta posizionati tutti i cestini di pasta, riempiteli fino al bordo con la crema e cuocete in forno preriscaldato statico a 250 ° per 20 minuti e poi cuocete per 3 minuti sotto il grill del forno (oppure in forno ventilato a 220 gradi per 15 minuti). Quando la superficie risulterà bruna e caramellata potrete sfornare i dolcetti (23). Lasciate raffreddare i pasteis de nata, poi sfilateli dallo stampo e gustateli!

torta di zucca

Torta di zucca

200 g di zucchero

500 gr di Farina 00 Molino Cosma

250gr di burro

Sale q.b.

Vaniglia essenza, la punta di un cucchiaino

4 tuorli di uova

PER LA FARCITURA

70 gr di zucchero di canna

1 uovo

1 bicchierino di marsala all’uovo

180 ml di panna fresca

800 gr di zucca già pulita

Cannella in polvere q.b.

Noce moscata in polvere q.b.

Zenzero q.b.

Preparazione

Per preparare la torta di zucca iniziate dalla pasta frolla: inserite in un mixer la farina, il burro freddo di frigorifero e un pizzico di sale, quindi frullate il tutto fino ad ottenere un impasto dalla consistenza sabbiosa e farinosa. Trasferite ora il composto ottenuto su una spianatoia, formando la classica “fontana”, poi unite lo zucchero a velo, l’estratto di vaniglia e i tuorli. Impastate con le mani per qualche minuto, fino a che non avrete ottenuto un impasto morbido e compatto.

 

Formate ora una palla, avvolgetela con della pellicola trasparente e mettete il tutto a riposare in frigorifero per almeno mezz’ora.

 

Mondate la zucca, privatela dei semi interni e della buccia, quindi tagliatela a tocchetti e mettetela a cuocere in forno preriscaldato a 200°, coperta da un foglio di alluminio, per 45 min, o fino a quando non risulterà ammorbidita. Trascorso il tempo necessario, trasferite la zucca in una terrina e schiacciatela bene con un cucchiaio o una forchetta, unitevi lo zucchero di canna, l’uovo e poi la panna fresca. Aggiungete infine la cannella e la noce moscata, quindi il marsala e un po’ di zenzero fresco grattugiato. Mescolate con cura, poi trasferite la crema ottenuta in un pentolino e fatela addensare a fuoco dolce per circa 5-10 minuti, mescolando frequentemente. Togliete la pasta frolla dal frigorifero, trasferitela sulla spianatoia infarinata e stendetela con l’aiuto di un mattarello, fino ad ottenere uno strato dello spessore di circa 5 mm, quindi stendetela in uno stampo da 26 cm, imburrato e infarinato.

 

Bucherellate il fondo della frolla con i rebbi di una forchetta poi versate la crema di zucca. Fate cuocere la torta in forno caldo, preriscaldato, a 200° per i primi 20 minuti e poi a 180° per altri 30 min; se la torta dovesse colorire troppo, coprite lo stampo con della carta di alluminio e terminate la cottura. Trascorso il tempo necessario estraete dal forno la torta, fatela raffreddare completamente. Decorate a piacimento con panna spray e cannella

 

muffin uvetta

Muffin all’uvetta

Farina 250g
Zucchero 200g
Lievito per dolci 1 bustina
Latte 150ml
Uova 2
Burro 80g
Uvetta 150g
Arancia 1
Cointreau 20ml

 

Preparazione

Ammorbidire l’uvetta in una ciotola con il succo d’arancia ed il liquore.
In una ciotola mescolare la farina , lo zucchero, il lievito e la buccia grattugiata di arancia
A parte mescolare le uova con il latte ed il burro fuso intiepidito.
Versare gli ingredienti liquidi su quelli secchi e amalgamare l’impasto velocemente
Strizzate l’uvetta ed aggiungetela all’ impasto poi mescolate velocemente.
Imburrare e infarinare gli stampini per muffins e riempirli per 2/3 della loro altezza
Infornare i muffin con l’uvetta a 180° in forno già caldo e cuocere per 20 minuti
Lasciar raffreddare i muffin prima di toglierli dagli stampini e servirli

gnocchi di zucca del molino cosma

Gnocchi di zucca

350 g Zucca la polpa (peso intera 500 g)
350 g Patate a buccia rossa
150 g Farina tipo 00 Molino Cosma
20 g Fecola di patate
1 Uova medio
3 g Sale
1 pizzico Pepe nero macinato
1 pizzico di Noce moscata

Preparazione 

Per preparare gli gnocchi di zucca iniziate facendo bollire 20 minuti le patate in abbondante acqua salata: dovranno risultare morbide ma non sfaldarsi, quindi non assorbire troppa acqua. Potete testare la loro cottura punzecchiandole con i rebbi di una forchetta. Se preferite, potete anche decidere di cuocere le patate al forno intere e con la buccia, in modo che perdano l’acqua in eccesso e successivamente svuotarle con un cucchiaio per prelevarne la polpa utile alla ricetta. Mentre le patate cuociono, prendete la zucca e ricavatene delle fette che priverete dei semini e dei filamenti interni. Eliminate poi anche la buccia esterna.

Quindi tagliatela a fettine sottili che adagerete su una leccarda ricoperta con carta forno. Cuocetele in forno statico preriscaldato a 200°C per 15-20 minuti  (oppure in forno ventilato a 180°C per 10-15 minuti) fino a che non comincerà a seccare leggermente. La zucca in questo modo si asciugherà e non rilascerà l’acqua durante la preparazione degli gnocchi. Trascorso il tempo necessario, spegnete il forno e sfornate la zucca. A questo punto anche le patate saranno ormai cotte ed avrete pronti gli ingredienti per preparare gli gnocchi di zucca. Lavorate gli ingredienti ancora caldi, specialmente le patate, per non disperdere gli amidi e far risultare colloso e più facilmente lavorabile l’impasto. Setacciate la farina su una spianatoia e aiutandovi con le mani o con un cucchiaio create la classica forma a fontana.

Prendete le patate ancora calde e sbucciatele. Schiacciatele con l’apposito attrezzo schiacciapatate, regolando l’impasto di sale e pepe. Aromatizzate con un pizzico di noce moscata. Poi schiacciate anche la zucca ancora calda con lo schiacciapatate.

Lavorate velocemente l’impasto con un tarocco e sbattete un uovo. Date all’impasto nuovamente la forma a fontana e versatevi l’uovo sbattuto.

Incorporate l’uovo all’impasto aiutandovi con una forchetta e lavoratelo con un tarocco fino a che non risulterà omogeneo. Lavorate meno possibile l’impasto e velocemente. Dategli la forma di panetto e setacciatevi sopra la fecola che conferirà morbidezza all’impasto.

Lavorate ancora velocemente l’impasto con un tarocco per amalgamare la fecola e dategli infine la forma sferica. Lasciatelo riposare a temperatura ambiente coperto da un canovaccio per almeno 10 minuti.

Trascorso il tempo di riposo riprendete il panetto, spolverizzate il piano di lavoro con poca farina e prendete un pezzettino di impasto. Dategli la forma di bastoncino e tagliatelo a piccoli bocconcini della dimensione circa di 1,5-2 cm. Ripetete l’operazione fino a terminare tutto l’impasto. Passate ora gli gnocchi ad uno ad uno sui rebbi di una forchetta o con il riga gnocchi per dare loro il classico disegno a righe sulla superficie. Mano a mano che li formate disponeteli su un canovaccio infarinato. I vostri gnocchi di zucca sono ora pronti per essere utilizzati! Per utilizzarli, cuoceteli una porzione per volta nell’acqua bollente, attendendo che risalgano in superficie. Appena riaffioreranno, prendeteli con una schiumarola, scolateli bene ed ecco pronti i vostri gnocchi di zucca!

frittella che frigge

Frittelle da Sagra

Zucchero 50 g
Sale fino 10 gr
Lievito di birra 25 g
Latte 250 ml
Burro 100 g
Limoni la scorza grattugiata di 2
Farina Manitoba 500 gr
Vaniglia bacca 1

PER COSPARGERE
Zucchero semolato q.b.

INGREDIENTI
Olio di semi arachidi q.b.

PREPARAZIONE

Togliete il burro dal frigorifero e lasciatelo ammorbidire a temperatura ambiente.
Mettete in un contenitore il latte a temperatura ambiente, scioglietevi il sale, lo zucchero e aggiungete la scorza grattugiata dei 2 limoni.
Versate il composto di latte in una planetaria munita di gancio per impasti (o in un recipiente capiente se lavorate l’impasto a mano),

e aggiungete i semini della vaniglia e 1/3 della farina; impastate bene fino ad ottenere una pastella fluida e poi aggiungete il lievito sbriciolato. Lavorate ancora per qualche minuto, poi aggiungete un po’ alla volta tutta la restante farina e continuate a impastare fino ad ottenere un composto morbido ed elastico, quindi incorporate anche il burro ammorbidito e lavorate ancora l’impasto finchè risulti morbido ed elastico.

Ungete di olio di semi (meglio se di arachide) i palmi delle mani e anche l’interno di una ciotola abbastanza grande. Prendete l’impasto, ponetelo nella ciotola e spennellate leggermente la sua superficie con dell’olio di semi di arachide; mettetelo a lievitare per circa 1 ora e ½ ponendo la ciotola in un luogo privo di correnti d’aria e fonti di calore, che potrebbero fare ammorbidire troppo il burro contenuto nell’impasto: tenete presente che l’impasto dovrà raddoppiare il suo volume.

Inumidite uno strofinaccio da cucina pulito e coprite l’impasto delle frittelle: questo servirà a prevenire il formarsi di una crosticina dura sulla superficie. Quando l’impasto delle frittelle avrà raggiunto il doppio del suo volume, trasferitelo su un piano e formate un lungo bastone che taglierete a pezzetti del peso di circa 100-110 gr e formerete delle palline appoggiando le palline su una spianatoia e modellandole con una leggera pressione del palmo della mano.

Disponete le palline su di un canovaccio pulito e asciutto, distanziandole tra di loro di almeno 2-3 cm; ricopritele con un altro canovaccio, attendendo circa 20 minuti per la seconda lievitazione. Passati i 20 minuti, allargate con le mani le palline di impasto per renderle piatte e circolari (dovrete allargarle ottenendo un diametro di circa 20 cm), rendendo molto sottile (quasi trasparente) il centro della frittella e lasciando i bordi un po’ più spessi.

Ponete dell’olio di semi (meglio se di arachide) a scaldare sul fuoco: l’olio per friggere le frittelle, deve essere caldo ma non bollente (circa 170°); potreste fare una prova friggendo un piccolo pezzetto di impasto: se il pezzetto di pasta diventa dorato lentamente l’olio è pronto.
Se invece il pezzetto di pasta si scurisce troppo in fretta, vuol dire che l’olio è troppo caldo e c’è il rischio che le frittelle si brucino. Immergete la frittella nell’olio e aspettate che si colorisca da entrambi i lati.

Quindi scolatele con l’aiuto di due forchette e passatele nello zucchero semolato e ricopritele (senza sgocciolarle su carta da cucina) di zucchero semolato, facendolo aderire su entrambi le superfici.

Adagiate le frittelle già pronte su un vassoio e servitele immediatamente.

crepes salata

Crepes Zucchine e Prosciutto

INGREDIENTI

per le crepes:

3 uova

180 g di farina

375 ml di latte

per la besciamella:

250 ml di latte

25 g di burro

25 g di farina

sale e noce moscata q.b.

per il ripieno:

12 fette di prosciutto cotto

2 zucchine

1 cipolla

1 bustina di zafferano

sale e olio q.b.

burro e formaggio per gratinare

PROCEDIMENTO

Sbattete le uova in una ciotola, aggiungete la farina e il latte fino a sciogliere tutti i grumi, insaporite con un pizzico di sale e un giro di olio e lasciate riposare la pastella 30 m abbondanti.

Ungete una padella con un filo di olio, fatela scaldare per bene e mettete un mestolo scarso di pastella e cuocete da ambo le parti.

Con queste dosi solitamente si riescono a preparare una dozzina di crepes.

Lavate, spuntate e tagliate a rondelle le zucchine.

Affettate la cipolla ad anelli e fatela appassire in una padella con l’olio, aggiungete le zucchine e insaporite. Sciogliete in un po’ di acqua calda lo zafferano e aggiungetelo alla padella delle zucchine e portate a cottura lasciando le verdure croccanti, salandole alla fine.

Preparate la besciamella:

portate ad ebollizione il latte.

Sciogliete a bagnomaria il burro, aggiungete fuori dal fuoco la farina e il latte, rimettete sul fuoco e fate addensare salando alla fine a spolverizzando anche con la noce moscata.

Ora potete assemblare il piatto:

su ogni crepes mettete un cucchiaio di zucchine, una fetta di prosciutto e un cucchiaio di besciamella, richiudete la crepes su se stessa e adagiatela su una pirofila. Mettete dei fiocchetti di burro e spolverizzare col formaggio grattugiato, lasciate gratinare in forno a 180° per 15-20 m.

Servire le crepes tiepide.

Ricetta plumcake allo yogurt del Molino Cosma

Plumcake allo yogurt

INGREDIENTI

3 Uova medie
140gr di zucchero
250gr di yogurt bianco (o gusto a piacimento)
100 ml di Olio di semi
180gr di Farina 00 per Dolci Molino Cosma
60gr di fecola di patate
Scorza di limone 1
Sale fino 1 pizzico
16gr di lievito in polvere per dolci

 

Procedimento:

 

Per preparare il plumcake allo yogurt ponete le uova intere in una ciotola capiente insieme allo zucchero e ad un pizzico di sale e montate il tutto con uno sbattitore elettrico.
Quando avrete ottenuto un composto cremoso, passate alla frusta a mano. Aggiungete lo yogurt poco alla volta, incorporandolo al resto degli ingredienti.Successivamente grattugiate la scorza di un limone, unite l’olio a filo sempre mescolando.

 

In una ciotola setacciate la farina, la fecola di patate e il lievito e aggiungetele un cucchiaio alla volta all’impasto, mescolando con la spatola dall’alto verso il basso, fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

 

Imburrate e foderate con la carta da forno uno stampo da plumcake, versatevi l’impasto.
Fate cuocere in forno statico preriscaldato a 170° per 55 minuti. Verificate la cottura facendo la prova con uno stecchino. Quando il plumcake sarà ben dorato, sfornatelo, lasciatelo raffreddare completamente nello stampo, quindi sformate: il vostro plumcake allo yogurt è pronto. Se vi piace potete aggiungere dello zucchero a velo!

Quiche

Torta salata Rucola e Cipolla

200 gr di farina 00 Molino Cosma
250 ml di acqua
8 g di sale
150 gr di farina manitoba Molino Cosma

INGREDIENTI PER IL PANETTO
250 g di burro
75 gr di farina 00 Molino Cosma

INGREDIENTI PER IL RIPIENO
1 cipolla
300 gr di rucola
2 uova
150 gr di ricotta
100 gr di latte
olio, sale e pepe

Preparazione:
Per preparare la pasta sfoglia iniziate con la preparazione del pastello. Mescolate e setacciate le due farine, sciogliete il sale nell’acqua e impastate il tutto a media velocità  per circa 8 minuti: dovete ottenere un composto più morbido ed elastico di quello del pane e, naturalmente, liscio e omogeneo. Lasciatelo riposare, coperto con un canovaccio, in un luogo fresco per almeno mezzora.

 

Nel frattempo iniziate a preparare il panetto. Estraete il burro dal frigo, tagliatelo a cubetti e inseritelo nella planetaria con i 75 grammi di farina: mischiate fino ad ottenere un composto omogeneo e senza grumi.

Trasferite l’impasto ottenuto su una spianatoia e riducetelo in un quadrato di uno spessore di circa 1 centimetro, o con le mani infarinate o ponendolo tra due fogli di carta forno e appiattendolo con l’ausilio di un mattarello. Inserite il panetto nella parte bassa del frigo – la più fredda – per almeno mezzora.

 

Stendete il pastello: ne ricaverete un rettangolo di circa 50 centimetri di lunghezza al centro del quale posizionerete il panetto, ormai pronto, che coprirete con i due lembi più lunghi del pastello, facendoli combaciare. Ripiegate anche gli altri due lembi, fino a chiudere il panetto su ogni lato. Ricordatevi sempre di infarinare il piano di lavoro e la pasta per facilitarvi il lavoro di stesura.

 

Prendete un mattarello ed esercitate una pressione sull’impasto, così da rendere più cedevole il panetto di burro. Potete quindi cominciare a stendere la sfoglia, che dovrà  acquisire una forma rettangolare, regolare. Per fare ciò non limitatevi a stenderla muovendo il mattarello avanti e indietro (perchè rischiate di ottenere una sfoglia a forma di clessidra), ma dovete imprimere dei movimenti obliqui, tenendo il mattarello lungo la diagonale del vostro rettangolo ideale, in modo da allargarne anche il centro. Quando otterrete una larghezza di circa 25 centimetri procedete con le pieghe. Piegate i due lati più corti in modo da farli combaciare al centro del lato più lungo,assicuratevi che i due lembi non si sovrappongano e piegatela a libro, appoggiando un lembo sull’altro.

 

Una volto pronto il vostro panetto segnatelo con una pressione del dito (che vi ricorderà  che avete appena praticato la prima piega), avvolgetela nella pellicola e mettetela in frigo per almeno mezzora. A quel punto, estraete la sfoglia, posizionatela di fronte a voi con l’apertura sulla destra e ripetete l’operazione di stesura e piegatura (per rendervi conto se la preparazione della vostra sfoglia sta avvenendo nel modo esatto, basta passarci una mano sopra mentre la state stendendo: se la sfoglia risulta omogenea e liscia al tatto, allora state facendo un buon lavoro). Prima di riavvolgerla nella pellicola e di riposizionarla in frigo, segnatela per due volte per ricordare di aver effettuato la seconda piega. L’intero procedimento andrà  ripetuto altre due volte, per un totale di quattro pieghe. Alla fine, la pasta andrà  lasciata riposare in frigo per almeno un’ora.

 

Far appassire in una padella nell’olio la cipolla tagliata a rotelline. Salare. A fine cottura aggiungere la rucola tagliuzzata con le mani e incorporare la cipolla per 1-2 minuti. In una ciotola sbattere latte, uova e unire la ricotta. Salare, pepare e unire rucola e cipolle. Stendere in una pirofila da forno la pasta sfoglia, bucherellarla e stendere sopra il composto. Mettere in forno preriscaldato a 180° per 20-25 minuti a seconda di quanto vi è venuto alto il composto e a seconda di quanto piace cotta.

 

brioche salata

Brioche Salata

Autore:

70 ml di latte tiepido
13 g di lievito di birra
550 gr di Farina 0 Biologica Molino Cosma
350 gr di burro ammorbidito
6 Uova
15g di sale
80 g di zucchero

PER SPENNELLARE
1 tuorlo d’uovo

Preparazione:
Iniziate a sciogliere il lievito di birra nel latte tiepido; intanto tagliate il burro a pezzetti e lasciatelo ammorbidire a temperatura ambiente. Nella ciotola di una planetaria (se non l’avete potete impastare a mano), mescolate la farina setacciata, lo zucchero e il sale. Unite il lievito sciolto nel latte e impastate con il gancio.

 

Aggiungete poi le uova e impastate per 6-8 minuti a velocità  bassa. Aumentate la velocità  e aggiungete il burro ammorbidito un pezzetto alla volta, avendo cura di aggiungere il successivo quando il precedente sarà  stato completamente assorbito (ci vorrà  un’ora circa). Piano piano il composto diventerà  spumoso e di colore chiaro.

 

Continuate ad aggiungere il burro e quando avrete ottenuto un impasto molto morbido e omogeneo, mettetelo in una ciotola, copritelo con la pellicola e lasciatelo lievitare in forno spento con la luce accesa per circa 3 h. Trascorso questo tempo, impastate nuovamente il composto, rigirando la pasta con la mano 2-3 volte, e mettetelo in frigo, sempre coperto con della pellicola, per almeno 12 ore, fino a quando l’impasto non si sarà  solidificato.

 

L’impasto sarà  a questo punto ben compatto: trasferitelo su di una spianatoia infarinata quanto basta per non fare attaccare l’impasto e stendetelo in una sfoglia alta 1 cm. Tagliate dei triangoli che abbiano la base di 8 cm e i lati di 15 cm e, partendo dalla base, arrotolateli fino alla punta su se stessi.

 

Incurvate leggermente le estremità  verso l’interno e poneteli su una leccarda ricoperta di carta forno. Sbattete il tuorlo in una ciotolina e spennellate le brioches. Lasciatele lievitare ancora per 1 e 30 h circa, fino a che avranno raddoppiato il loro volume. Infornate le brioches in forno già  caldo a 200° per 13-15 minuti, fino a che non saranno dorate in superficie. Ecco le vostre brioches pronte per essere gustate. Ora non resta che farcirle a vostro piacimento, con affettati, formaggi e verdure!